Il prigioniero della selva – Mister No NA n.3 (settembre 2019)

Scritto da Paolo M.G. Maino

6 Set, 2019

Continuano le Nuove Avventure di Mister No e continuano con una storia che si fa sempre più avvincente e che consente ai vecchi fan di ritrovare il Mister No dei tempi d’oro e ai nuovi fan di scoprire un personaggio unico che si muove in avventure con la A maiuscola e che è caratterizzato da una umanità e da un coraggio unici oltre che da mille difetti che lo rendono così simpatico e vicino al lettore. E i complimenti a Michele Masiero e Luigi Mignacco (e vedremo poi anche Maurizio Colombo) sono per quanto sin qui visto meritatissimi: sono riusciti a scrivere di Mister No con una rinnovata freschezza coniugata ad un grande rispetto e ad un grande amore per il personaggio creato da Guido Nolitta alias Sergio Bonelli; e aggiungo che dopo che Sergio Bonelli stesso aveva posto la parola fine alla storia editoriale di Jerry Drake non era cosa da poco decidere di farlo tornare! Ci voleva il coraggio di Mister No! E di questo coraggio li ringraziamo!

 

 

 

Il prigioniero della selva – Mister No NA n.3

Soggetto e sceneggiatura: Luigi Mignacco

Disegni: Marco Foderà

Copertina: Fabio Valdambrini

 

Dopo un buon primo numero (solo forse un po’ fanservice), dopo un ottimo secondo numero, il terzo era una vera e propria prova del nove e posso già dire che è stata abbondantemente vinta. La sceneggiatura di Luigi Mignacco scorre che è un piacere e i disegni di Marco Foderà (che continuano il sodalizio di Tropical Blues e China Song) sembrano nati per Mister No. Una linea chiara capace di passare dalla giungla più lussureggiante ai villaggi sperduti degli indios, da scene oniriche a combattimenti e corse a perdifiato e soprattutto una linea in grado di rappresentare tante sfumature dell’umano: dramma, ironia, amore, stupore, spensieratezza e determinazione… insomma la tavolozza di colori e calori che hanno reso così amato Mister No.

Parliamo un po’ del contenuto dell’albo (ma senza spoiler). Dietro ad una convincente copertina di Fabio Valdambrini (fatta per bucare l’edicola! E speriamo funzioni da attira-lettori), ritroviamo Mister No che, creduto morto dopo l’attacco brutale del misterioso commando di militare al villaggio di indios che il gruppo guidato da Jerry era venuto a salvare dalla contaminazione da eccessiva radioattività, vaga sperduto in angoli remoti dell’Amazzonia e lotta per la vita prima con la natura e poi con (nel senso di ‘insieme’ ma anche di ‘contro’) gli indios che lo trovano nel folto della foresta. E a parte un colpo di scena finale (colpo di scena che è però anticipato da tanti indizi) la trama è così riassunta. Semplice e lineare. Eppure così efficace e così piena di avventura.
Mignacco inserisce due scene oniriche (provocate da motivi diversi) molto toccanti (e anche in qualche modo divertenti), in particolar modo nella prima assistiamo ad un dialogo quotidiano e per questo vero e commovente tra un piccolissimo Jerry Drake e sua mamma; ci fa assistere a due scene di caccia (anche qui con ampia dose di ironia e con una modernizzazione dell’ottica in cui si guarda alla caccia e al rapporto con l’ambiente naturale da preservare); ci fa conoscere la vita del villaggio di una sperduta tribù di indios.

Aggiungo tra i fattori di merito la caratterizzazione di due personaggi: Mombak, il saggio cacicco del villaggio, e Sykyie, il guerriero rivale di Jerry già incontrato nel secondo numero e sempre desideroso di prendersi la sua vendetta su Mister No (e sono pronto a scommettere che Sykyie avrà un ruolo importante anche nel prossimo numero!).
Mi fermo perché non voglio fornire troppi elementi a chi non ha ancora letto, ribadisco il giudizio di un ritorno sempre più convincente e lo unisco all’augurio di tanti altri numeri come questo e quando intendo ‘tanti’ voglio dire che mi auguro in una progettazione che consenta a vecchi e nuovi lettori di continuare a leggere le avventure di Mister No per tanti anni a venire!

Ti potrebbero interessare

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *