Il segreto del medaglione – Tex Willer n.3 (gennaio 2019)

Scritto da Francesco Benati

25 Gen, 2019

Da una decina di giorni è nelle edicole Il segreto del medaglione, terzo albo della nuova serie Tex Willer edita dalla Sergio Bonelli Editore. Peculiarità di questa serie è il raccontare le avventure del giovane Tex delle origini, ovvero lo scapestrato fuorilegge dei primi albetti a striscia scritti da Gian Luigi Bonelli e disegnati da Aurelio Galleppini. Ai testi di questo albo troviamo il curatore Mauro Boselli e ai disegni Roberto De Angelis.

 

 

Il segreto del medaglione – Tex Willer n.3

 

Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli

Disegni: Roberto De Angelis

Copertina: Maurizio Dotti

Riassunto delle puntate precedenti (che potete leggere anche qui e qui): Tex Willer salva il ladro di cavalli Jimmy Jones dalla banda guidata dallo spietato Coffin, il quale si allea con l’indiano Pawnee Dente di Lupo per mettere le mani su un favoloso tesoro. Il risultato è che a rimetterci la pelle è Orso Grigio, il vecchio sakem della tribù e custode di un medaglione sul quale è inciso il segreto per raggiungere il tesoro. La giovane Tesah si mette sulle tracce della banda per recuperare il sacro oggetto. Nel frattempo, Tex Willer viene a sapere della morte di Orso Grigio e pensa di indagare, ma finisce con l’imbattersi nella terribile banda di Red Bill.

Sinossi: Tex affronta e sconfigge in un violento scontro a fuoco l’intera banda di Red Bill e, ripreso a cavalcare con il fedele Dinamite, si imbatte in Tesah, inseguita da Coffin e dalla sua cricca. Dopo una dura sparatoria, i due giovani riescono a mettersi in salvo e l’indiana racconta a Tex, conosciuto molti anni prima, la propria storia.

 

 

Ordunque, in occasione della conferenza tenutasi a Lucca Comics 2018, Mauro Boselli era stato molto chiaro: la serie avrebbe presentato quasi esclusivamente storie inedite, mai raccontate prima, che si sarebbero inserite nel non-detto lasciato da GL Bonelli. Tuttavia, inevitabilmente alcune di queste storie si sarebbero intersecate con alcune storie realizzate dal creatore di Tex in quei lontanissimi anni ’40, pur senza modificarne la sostanza.

Ed ecco infatti che, a pagina 40 di questo albo, inizia ufficialmente il remake de Il totem misterioso, la leggendaria storia con la quale Tex si presentò ai suoi lettori nel 1948. Ovviamente non si tratta di un remake vignetta per vignetta o battuta per battuta, una cosa del genere risulterebbe posticcia e anche un po’ ridicola. Quello che Boselli fa è andare a recuperare la sostanza di quei racconti e ripresentarli sotto una luce nuova per un pubblico che di Tex non ha quasi mai sentito parlare se non nei racconti dei genitori o dei nonni.

 

 

Ed ecco quindi che agli occhi dei lettori si dipana la leggendaria sparatoria al Rainbow Caynon, il bivacco con Tex e Tesah, il ferimento da parte di Coffin e molto altro, tutte scene rese mitiche nella memoria dei lettori dalle innumerevoli ristampe che Il totem misterioso ha avuto nel corso dei decenni.
Se proprio volessi trovare un difetto in tutta l’operazione, direi che tutta la parte precedente risulta collegata a questa in maniera un po’ traballante, ma questa impressione risulta chiaramente falsata dal fatto che era noto a (quasi) tutti che si sarebbe finiti a quel punto.

Faccio fatica invece a vedere dei difetti nel lavoro di Roberto De Angelis. Colonna portante di Nathan Never del quale è stato anche copertinista per innumerevoli anni, il disegnatore campano sfodera tutto il proprio talento regalandosi una prova semplicemente memorabile, forse una delle migliori della sua lunga carriera. Archiviato definitivamente l’impacciato Texone Ombre della notte datato 2004 su testi di Claudio Nizzi, De Angelis si dimostra perfettamente a proprio agio nelle atmosfere del giovane Tex Willer.

 

Menzione d’onore per la sensualissima Tesah di De Angelis, la quale, pur avendo all’incirca sedici anni, in alcune scene dimostra un fisico da maggiorata all’italiana ed è chiaro che il disegnatore cerca in tutti i modi di stuzzicare la pruriginosa fantasia dei lettori.
Applausi a scena aperta praticamente per tutti gli autori coinvolti in questa storia che prende finalmente il volo, complice anche la familiarità con il materiale di GL Bonelli, in attesa di una conclusione prevista per febbraio a pochi giorni di distanza dall’imminente numero 700 in cui si rivedrà nuovamente Tesah.

 

Ti potrebbero interessare

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *