Giustizia a Corpus Christi – Tex “alla francese” (Febbraio 2018)

Scritto da Francesco Benati

6 Mar, 2018

Annunciato da molto tempo e lanciato con tanto di fuochi d’artificio, ecco che giunge in edicola Giustizia a Corpus Christi, il nuovo Tex “alla francese”, ovvero la collana di albi cartonati di grande formato e a colori realizzati sul modello dei nostri cugini d’oltralpe, edita come sempre dalla Sergio Bonelli Editore. Si tratta di una collana lanciata nel 2015 con il discusso Tex, l’eroe e la leggenda di Paolo Eleuteri Serpieri e proseguita poi negli anni con diversi volumi. Ai testi del nuovo volume troviamo il curatore Mauro Boselli e ai disegni l’ormai veterano di Tex Corrado Mastantuono.

 

 

Giustizia a Corpus Christi – Tex “alla francese”

Testi: Mauro Boselli

Disegni: Corrado Mastantuono

Colori: Matteo Vattani

Personalmente attendo sempre con molta trepidazione l’uscita di ognuno di questi albi cartonati. Trovo fantastici i colori, i disegni e l’impaginazione. Trovo belle anche le storie, brevi e fulminanti, con il ritmo scandito a colpi di martello. Parere personale, questi volumi non sono equiparabili agli altri albi Bonelli. Non sono dei Bonelli, punto. Tutto è diverso, tutto è pensato in modo diverso. Questo per dire che chi da questi albi cerca il solito Bonelli può benissimo passare oltre e lo dico rischiando di convincere veramente qualcuno a non comprare questo prodotto.

Considerazioni personali a parte, Giustizia a Corpus Christi rappresenta il seguito de Il Vendicatore, altro volume del Tex cartonato uscito a settembre e disegnato da Stefano Andreucci, sempre per i testi di Boselli.

Entrambi si inseriscono esattamente a metà della storia de Il passato di Tex, scritta da GL Bonelli, il creatore del personaggio, ormai circa cinquant’anni fa. In questa storia, il giovane Tex Willer va fino in Messico con il fedele Gunny Bill a vendicare gli assassini del padre, una spedizione punitiva al termine della quale il buon vecchio Gunny trova la morte. Il Vendicatore iniziava più o meno a questo punto e dopo questo albo inizia Giustizia a Corpus Christi.

 

 

Tex è sempre sulle tracce dei razziatori che uccisero suo padre. Scoperchiato il nido di serpenti, il giovane è costretto ad affrontare una numerosa posse di pistoleri radunata dallo sceriffo di Corpus Christi, a sua volta impelagato con la peggior feccia della città. Ad aiutare il vendicatore troviamo il ranger Jim Callahan, il suo socio Dan Bannion e il fratello Sam!

Comincio subito dicendo che a me questo Tex giovane piace da matti. Un Tex superbo, sbruffone e scavezzacollo dalla pistola veloce come lo tratteggiò GL Bonelli nell’ormai lontano 1948, non immaginando lontanamente quanta fortuna avrebbe avuto. Mi è piaciuta soprattutto la caratterizzazione fisica che ne ha dato Andreucci sia ne Il Vendicatore che ne Il magnifico fuorilegge, albo che a meno di un anno dall’uscita è già diventato un classico istantaneo. Il bello è che finalmente abbiamo un Tex giovane che è… giovane! Se escludiamo il leggendario Tex di Aurelio Galleppini nella già citata Il passato di Tex, finora tutte le storie ambientate nel passato del personaggio presentavano un Tex identico a quello attuale, quindi ben venga un tocco di realismo in più con il personaggio che effettivamente ringiovanisce.

Sono altresì un grande estimatore sia di Mauro Boselli (non solo per il suo lavoro su Tex e, in precedenza, su Zagor, ma anche per la sua creatura Dampyr, oltre che per altri progetti) che di Corrado Mastantuono, universalmente riconosciuto come uno dei migliori disegnatori del momento.

Ergo, mi piace il formato, mi piace il Tex giovane, mi piacciono gli autori… La conclusione è logica, no?

Boselli tesse una trama molto chiara e scorrevole, pur se compressa nel limite delle 48 pagine, riprendendo abilmente le file della storia precedente e arricchendola con nuove suggestioni come la bella Susan ed esplorando maggiormente la psicologia di Sam Willer, personaggio cui GL Bonelli dedicò una manciata di pagine a suo tempo. Ritmo scandito con il metronomo, Boselli non lesina sparatorie, inseguimenti e battaglie cittadine.

 

Ottimo il lavoro svolto da Corrado Mastantuono, il quale ha leggermente modificato il suo tratto notoriamente caricaturale per rifarsi invece alla tradizione degli albi francesi cui questa collana si ispira. Il risultato è senza dubbio notevole, anche se il sottoscritto non ha del tutto apprezzato il volto di Tex, soprattutto in alcuni primi piani. Diciamo che a Mastantuono viene molto meglio il Tex adulto.

Menzione d’onore per quello che ormai è il colorista titolare dei Tex alla francese, ovvero quel Matteo Vattani che ha infarcito questo volume con tutti i colori dell’iride. Colori caldi, vivaci, potenti, ben lontani dalla piattezza dei Color Tex o delle ristampe come Tex Classic. Persino un oltranzista del bianco e nero come me non può non apprezzare un simile lavoro svolto con una maestria fuori dal comune. Siamo di fronte ad un grandissimo talento e la speranza è che la Bonelli non se lo faccia scappare!

In definitiva, abbiamo fra le mani un albo bellissimo (un gradino sotto a Il Vendicatore per via della resa del Tex giovane) scritto con la consueta maestria, disegnato da un maestro indiscusso e con dei colori stupefacenti. Che altro si vuole di più?

 

 

In chiusura, un consiglio: leggetevi il Maxi Tex Nueces Valley dell’anno scorso. Subito dopo, iniziate Il passato di Tex fino al punto in cui il giovane eroe lascia il ranch di famiglia. Interrompete la lettura di quella storia e prendete in mano Il Vendicatore e Giustizia a Corpus Christi. Terminati questi due volumi, proseguite con Il passato di Tex fino alla fine. Da lì, leggete Il magnifico fuorilegge.

Avrete così un meraviglioso affresco sulla giovinezza del nostro eroe preferito.

 

Ti potrebbero interessare

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *