Un nuovo incubo – Samuel Stern n.1 (novembre 2019)

Scritto da Daniele Ramella

8 Dic, 2019

“Dio non parla mai. Il Diavolo, invece, si fa pubblicità, eccome. Il Diavolo fa un sacco di spot pubblicitari.”

(William Peter Blatty, L’Esorcista)

Il 29 novembre è uscito in edicola un nuovo fumetto, evento straordinario e coraggioso, in questo periodo di crisi delle edicole: il suo nome è Samuel Stern ed è un “bonellide”, ovvero un mensile di 96 pagine, dello stesso formato dei classici albi Bonelli. È edito da Bugs Comics e creato da Gianmarco Fumasoli e da Massimiliano Filadoro.

Samuel Stern è un libraio di Edimburgo, ma ha un potere (e “da grandi poteri derivano grandi responsabilità”): espellere i demoni dalle persone. Eppure non è un esorcista, sebbene collabori con padre Duncan, un prete cattolico esperto di esorcismi.

 

 

Un nuovo incubo – Samuel Stern n.1


Soggetto e sceneggiatura:Gianmarco Fumasoli e Massimiliano Filadoro

Disegni: Luigi Formisano

Copertina:Valerio Piccioni, Maurizio Di Vincenzo e Emiliano Tanzillo

Ma andiamo con ordine. In tutti i film, romanzi e telefilm che parlano di possessione diabolica, c’è sempre la diatriba tra chi ci crede e chi non ci crede: ci sarà sempre un esorcista o un sensitivo che dice “La bambina è posseduta.” e ci sarà uno psichiatra, un medico o comunque un razionalista che gli risponderà “No, è malata di mente.”

Ecco, l’originalità di Samuel Stern, nel trattare un argomento così abusato come la possessione diabolica, è che hanno ragione entrambi: la teoria intorno alla quale ruotano le avventure di questo insolito personaggio è che dentro ognuno di noi c’è una Zona d’Ombra, che può essere attivata da un trauma emotivo particolarmente forte e può generare un vero demone in carne ed ossa, un demone che tenterà di prendere il controllo della persona traumatizzata.

Nel primo albo, intitolato “Il nuovo incubo”, scritto da Fumasoli e Filadoro e disegnato da Luigi Formisano, la “posseduta” è una bambina: il pensiero corre subito al romanzo di William Peter Blatty e al film di William Friedkin, ma in realtà è lo stesso Samuel a spiegare al lettore e alla madre della bambina la teoria che sta alla base della storia e dell’intera serie, ovvero che un trauma ha generato un demone all’interno della mente della bambina; il compito di Samuel e di padre Duncan sarà quindi portare a galla questo trauma e liberare la bambina dal proprio demone.

“Ma allora è un fumetto psicologico, non è un horror”, obietterà qualcuno. In realtà, come già detto,  è entrambi ed è proprio qui che sta l’originalità di questa serie, perché il demone partorito dal trauma psicologico è reale, ma l’esorcismo assomiglia più ad una seduta psicanalitica o ad un esperimento di ipnosi, almeno in questo primo albo, perché a mio avviso l’idea di partenza è potenzialmente inesauribile: infatti, sono molti i traumi che possono colpire una persona, dalla violenza sessuale al bullismo, dall’emarginazione a un licenziamento o alla fine di un amore. Secondo Samuel Stern e padre Duncan, ognuno di questi eventi può spingere l’Ombra che vive in noi a partorire un demone ed è inutile dire che questa cosa mi intriga molto e crea in me molte aspettative sui prossimi numeri.


Resta da dire qualcosa sui disegni: la copertina, di Valerio Piccioni, Maurizio Di Vincenzo ed Emiliano Tanzillo, è molto bella ed evocativa e il logo, creato da Paolo Alti Brandi, “buca la pagina” e attira immediatamente l’attenzione negli affollati scaffali delle edicole. I disegni interni, di Luigi Formisano, sono asciutti ed essenziali e richiamano i fumetti neri dei tempi andati, ma, a giudicare dalle anteprime in quarta di copertina, già dal prossimo mese si passa ad un tratto più moderno e “dylaniato”.

Un’ultima osservazione la merita la tiratura: molti lettori hanno parlato anche di 11/15 albi a edicola, segno che la tiratura deve essere stata molto alta, per un piccolo editore. Speriamo che questo “azzardo” venga ricompensato dai risultati, perché il personaggio e l’entusiasmo degli autori e dell’editore lo meritano.

Ti potrebbero interessare

Gli orizzonti di Astromica

Gli orizzonti di Astromica

Ne abbiamo già parlato (un po’ di passaggio a dire il vero) in un recente articolo (Samuel Stern, Tesla,...

The Professor wants you!

The Professor wants you!

Quel vulcano di Andrea Corbetta non ama proprio stare fermo e, dopo aver lanciato il numero zero di Tesla and the...

Una recensione Tesla a Tesla

Una recensione Tesla a Tesla

I nostri Chiara Cvetaeva e Giacomo Mrakic ci offrono una nuova recensione antilogica che questa volta si rivolge ad un...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *