Il cavallo di ferro – Maxi Tex n.24 (aprile 2019)

Scritto da Francesco Benati

6 Mag, 2019

Con un po’ di ritardo rispetto ai tempi previsti, ecco a voi la recensione de Il cavallo di ferro, il nuovo Maxi Tex edito dalla Sergio Bonelli Editore. Le due storie di questo albo, quella che gli dà il titolo e La carovana dei Cherokee, portano entrambe la firma dello sceneggiatore Luigi Mignacco e del disegnatore Ugolino Cossu.

Particolarità di questa collana di volumi è stata quella di proporre storie lunghe circa 300 pagine in una volta sola invece che spezzettate in tre albi. Ogni tanto, però, è capitato di dover realizzare dei Maxi con due storie più brevi invece che una lunga. Evidentemente negli anni sono state prodotte delle storie in eccesso che non si sapeva più come smaltire, così alcune sono state inserite nei Maxi. Rimane un po’ di rammarico per il fatto di non poter sempre leggere delle storie lunghe in un colpo solo, ma, come in questo caso, poco male perché entrambe le due storie proposte sono tutt’altro che da buttare via.

 

 

Il cavallo di ferro

Soggetto e sceneggiatura: Luigi Mignacco

Disegni: Ugolino Cossu

Copertina: Claudio Villa

 

Partiamo con Il cavallo di ferro. La storia ha un avvio simile a Sangue Navajo (anche se sarebbe meglio dire Sangue Dakota) e poi prosegue come La locomotiva di Francesco Guccini. Va bene, forse dicendovi così vi ho spoilerato praticamente tutto, ma ehi, l’albo è uscito da più di un mese, se non lo avete ancora letto sono affari vostri.

Un grave torto si consuma ai danni di un giovane indiano Dakota, il quale decide di compiere la propria vendetta contro il treno, quel cavallo di ferro che, in qualche modo, è simbolo dell’avanzata dei bianchi nelle terre degli uomini rossi. La sua pista si incrocia sia con quella di alcuni banditi che con quella di Tex Willer e Kit Carson.

 

 

Mignacco la butta sul dramma e vince a piene mani mettendo in scena l’epica lotta di un uomo solo, convinto di essere dalla parte della ragione, contro la Storia con la S maiuscola. L’avanzata dell’uomo bianco è inarrestabile, il popolo rosso è destinato a scomparire, ma non tutti sono disposti a restare in attesa degli eventi e decidono di ribellarsi e andarsene consumando la propria vendetta.

Aldilà della trama di base, Mignacco è bravissimo nel mettere in piedi il dramma personale di un giovane che si è visto subire una grave ingiustizia e il proseguire della storia, specialmente nelle pagine finali, è un crescendo di tensione da mozzare il fiato.

 

La carovana dei Cherokee

Discorso più o meno analogo anche per la successiva La carovana dei Cherokee.
Un gruppo di Utes ribelli capeggiati dall’indiano bianco Lupo Giallo tenta di attaccare una carovana di pionieri di etnia Cherokee che sta transitando sulle loro terre. A difendere i pionieri ci pensano Tex e i suoi pards al gran completo.

Ammetto che l’ho trovata più una storia di ordinaria amministrazione, o perlomeno con una trama fin troppo classica e senza quell’elemento di innovazione che aveva invece l’avventura precedente. Ciononostante, Mignacco dimostra di saper gestire l’intero quartetto con competenza e senza sbavature, cosa assolutamente non da tutti.

La figura del capo Lupo Giallo risulta un po’ troppo abbozzata, in fondo potrebbe essere un personaggio maggiormente approfondito, mentre gli Utes, pur essendo delle vittime a giudicare dall’incipit della vicenda, divengono fin troppo rapidamente gli antagonisti, ma nel complesso anche questa storia merita un giudizio positivo.

 

 

Nella media il lavoro di Ugolino Cossu su entrambe le storie. Benché non rientri affatto tra i miei disegnatori preferiti (stile decisamente superato, fisionomia dei personaggi troppo abbozzata, linea esageratamente chiara, tutto ovviamente secondo il mio gusto), alla fine ritengo abbia svolto il proprio compito senza grossi problemi e confermandosi il classico disegnatore cui ricorrere in caso di bisogno.

In definitiva, un buon Maxi Tex che tiene alta la bandiera di una testata un po’ troppo bistrattata, a volte non a torto, ma che ha saputo sfornare qualche bella perla.

 

Ti potrebbero interessare

1 commento

  1. Avatar

    Dal mio punto di visto,
    entrambe le storie sono state del tutto deludenti:
    – disegno troppo "spartano", poco coinvolgente;
    – storie davvero solo accennate;
    – indulgenza celebrativa degli "eroi" a tratti stucchevole.

    Temo che sia stato solo un modo di fare cassa…ma la qualità intrinseca delle storie non meritava assolutamente una vetrina importante per noi amanti del mondo Tex come il Maxi.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *